ALLA SCOPERTA DELLE NUVOLE: UN RICORDO DI HUGO PRATT

Corto Maltese visto da Enrico MartelloniC’è un tempo per tutto nella vita, anche per sognare. Lasciarsi trasportare dalle emozioni fino a non distinguere più quella sottile linea di delimitazione tra fantasia e realtà. Ci lasciamo cullare, facciamo viaggi infiniti, alle volte fuggiamo e poi d’improvviso ci ritroviamo a guardare il presente e ci sembra di essere caduti dalle nuvole. Un poco come Corto Maltese (“Cado spesso un poco dalle nuvole”) in Favola a Venezia, uno dei più celebri e arcani lavori diHugo Pratt, forse il più grande Maestro del disegno italiano, la cui vita è stata caratterizzata da lunghe permanenze in Sudamerica.
Pratt scompariva il venti agosto di quindici anni fa ma la sua opera, il suo personaggio più famoso, è la testimonianza diretta che la vita può essere lunga quanto un sogno, ricca di conoscenze, incontri. Corto Maltese è la sintesi di tutto ciò: un antieroe solitario, mai domo di nuove scoperte, conoscitore di culture iniziatiche, religiose, di terre remote, amico dei più importanti avventurieri, scrittori e paraculi dei primi del novecento in poi.
Corto, ovvero Hugo, è un sognatore. Si lascia spesso trasportare dalla fantasia e la vita, con le sue avventure, i suoi luoghi misteriosi ed affascinanti, scorre al suo fianco attraendolo ma senza catturarlo. Ad ogni scoperta corrisponde un nuovo viaggio. Un cammino lungo, un accrescimento della propria conoscenza, un continuo miglioramento. Questo è lo spirito guida che accompagna il capitan Corto, lo stesso spirito di perfezionamento che ha caratterizzato la vita del suo autore. E non poteva essere diversamente dato che Pratt è stato uno dei più illustri massoni dell’ultimo secolo. Egli è stato iniziato nella Loggia veneziana Hermes dellaGran Loggia d’Italia e non ne ha mai fatto mistero: è proprio durante i lavori della Hermes che Corto, cadendo da un lucernaio realmente esistente nel tempio, irrompe bruscamente in “Favola a Venezia”. Non deve stupire, poiché nel novecento molti artisti noti hanno scelto di appartenere alla massoneria, come ad esempio Totò, Gino Cervi, Oliver Hardy o John Wayne.

Claudio Tirinnanzi

Fonte: http://www.pensalibero.it/Dettaglio.asp?IDNotizia=5454

L’immagine di Corto Maltese è disegnata da Enrico Martelloni

Pubblicato da

Claudio Tirinnanzi

Responsabile dei servizi ICT della Fondazione Turati Onlus, è stato Responsabile dei Sistemi Informatici della Regione Toscana per l'Associazione Italiana Arbitri della FIGC e membro della Commissione AIA-4-WEB nella realizzazione del primo portale web dell'Associazione. Già membro del Club Auto e Moto d'Epoca Toscano, del CONI Firenze e della Fondazione Artemio Franchi, attualmente è co-editore del giornale on line FiorentinaNews.com e webmaster per alcune associazioni fiorentine.