Metti una sera a cena con Paolo Hendel e la Fondazione Turati

Cari amici, prendete nota di questo appuntamento. Sarà una serata che unirà divertimento e approfondimento di un tema cruciale in Italia e a Firenze in particolare, la condizione degli anziani.  La Fondazione Turati, che mi onoro di presiedere, è molto impegnata su questo fronte. Per questo promuove la presentazione del libro di Paolo Hendel. Per ora, basta. Altre notizie in seguito. Aggiungo solo che il 25 settembre è vicino, che i posti disponibili sono poco più di 200 e che, dunque, è bene affrettarsi. Dunque, se non volete perdere l’occasione, prenotatevi subito al numero 055 5324500 , comunicandoci in quanti sarete, in modo da potervi disporre allo stesso tavolo. Un caro saluto,

Nicola Cariglia

https://www.fondazioneturati.it/cena-paolo-hendel-la-fondazione-turati/

LE SCUOLE SI PRESENTANO

Ritorna “Le Scuole si presentano”. L’appuntamento con l’edizione numero quattordici della rassegna di orientamento scolastico è al Saschall di lungarno Moro, venerdì 14 e sabato 15 gennaio dalle 10 alle 19, ingresso libero. Organizzata dal Quartiere 2 in collaborazione con l’assessorato comunale all’Istruzione, l’iniziativa offre due giornate di incontro e informazione tra gli istituti scolastici, i ragazzi della scuola dell’obbligo e le loro famiglie, per fare chiarezza tra le numerose offerte formative e orientarsi nelle scelte di studio future. Saranno presenti oltre 40 scuole superiori fiorentine e del suo comprensorio, dai licei agli istituti tecnici e professionali fino agli istituti alberghieri e al conservatorio Cherubini. Ciascuna scuola si presenta in uno stand dove insegnanti e operatori qualificati forniranno alle famiglie e ai ragazzi materiale informativo sulle attività dell’istituto e progetti e convenzioni con altri istituti europei. Il successo de “Le scuole si presentano”, che conta ogni anno circa 6000 presenze, è originato dalla crescente differenziazione e complessità dell’offerta formativa che ha portato dei cambiamenti nella scuola e una forte domanda di informazione da parte delle famiglie. Da segnalare la partecipazione dei centri di formazione professionale del Comune e del Servizio di Orientamento della Provincia che svolgono un importante ruolo contro la dispersione scolastica e per migliorare la qualificazione professionale. L’accoglienza del pubblico è affidata ai ragazzi degli istituti ad indirizzo turistico/alberghiero Saffi e Buontalenti che, guidati dei loro insegnanti, organizzeranno dei buffet per i visitatori.
All’interno della manifestazione ci sarà un incontro di approfondimento di alcuni temi con la tavola rotonda “Quale scuola per il futuro?” venerdì 14 gennaio alle 10 presso la saletta incontri del Saschall a cui prenderanno parte Rosa Maria Di Giorgi, assessore all’Istruzione del comune di Firenze e i dirigenti scolastici Masimo Batoni, Giancarlo Fegatelli, Paolo Collini, Lucia Anna Calogero, Elisabetta Bonalumi. Introdurranno Gianluca Paolucci e Marco Colangelo, rispettivamente Presidente del Quartiere 2 e Presidente della Commissione Politiche Giovanili. Info, 055 2767837/7853.

Consegnato il Premio Siena Artemio Franchi 2010

Nel Complesso Museale di Santa Maria della Scala di Siena si è celebrata martedì 4 maggio 2010 la diciannovesima edizione del premio “Siena Artemio Franchi”, assegnato ogni due anni dalla Fondazione Artemio Franchi e dalla Sezione AIA di Siena.

Il Premio,  nato trentacinque anni fa ad opera di Loris Guiggiani e dal 1983 dedicato ad Artemio Franchi, promosso dalla Fondazione e dalla Sezione di Siena in collaborazione con lo Studio Ghiretti e col contributo del Monte dei Paschi di Siena e dalla Cristalleria Mario Cioni, è uno tra i più ambiti riconoscimenti del mondo sportivo italiano ed anche questa edizione ha visto salire sul palco nomi di spicco. Il più atteso è stato quello di Johan Cruyff, storico “profeta del gol”, seguito dal capitano della Fiorentina per eccellenza, Giancarlo Antognoni. Inoltre, l’ambito riconoscimento è andato a due importanti personaggi legati indissolubilmente al mondo del calcio, ovvero il Presidente della LND Carlo Tavecchio e la storica voce della nazionale Bruno Pizzul.

Il premio dedicato agli “altri sport”, quest’anno modellato per l’occasione dalla Cristalleria Mario Cioni su immagine di una palla da volley, è andato a Jenny Barazza, colonna portante della Nazionale di volley femminile.

I tradizionali riconoscimenti destinati alla categoria arbitrale per l’edizione 2010 sono stati assegnati a Gianluca Rocchi , dal 2003 fischietto del massimo campionato di Serie A e da tempo anche arbitro internazionale, e a Roberto Rizzo , 26enne direttore di gara della Sezione Arbitri di Siena.

La manifestazione, condotta da Stefano BizzottoLinda Collini, è stata una occasione per ricordare ancora una volta la figura di Artemio Franchi,  uno dei più grandi personaggi della storia del mondo del calcio. Molte le sfaccettature, gli aneddoti, le storie che hanno reso omaggio alla figura del “dottore”, che più di ogni altri ha saputo unire Guelfi e Ghibellini – non è un caso se gli stadi di Firenze e di Siena si chiamano entrambi Artemio Franchi – ed i contradaioli delle storiche rivali della Torre e dell’Oca.

Tra il numeroso pubblico intervenuto, figure di spicco del mondo federale ed arbitrale e rappresentanze delle società sportive più prestigiose nonché delle istituzioni civili senesi e toscane. Assente per importanti impegni istituzionali, non ha mancato di far sentire il suo appoggio e la sua vicinanza il presidente federale Giancarlo Abete, che della Fondazione Artemio Franchi è stato per anni presidente.

Claudio Tirinnanzi
da artemiofranchi.it

Un piccolo profilo di Artemio Franchi. La sua carriera inizia nel 1944 al ritorno dalla guerra, quale giovane Arbitro di Calcio per approdare a Segretario della sezione Arbitri di Firenze nel 1945-1950 e successivamente Segretario delle A.C. Firorentina tra il 1951  e il 1952. Questa esperienza lo lancio’ nella carriera di Dirigente sportivo. Tra la fine degli anni cinquanta e gli anni sessanta ricopri’ incarichi prestigiosi nel mondo del Calcio creando le premesse, dal 1967, per essere chiamato alla Presidenza della F.I.F.A., la potente Federazione Mondiale del Calcio di cui sicuramente sarebbe stato nominato Presidente se la morte prematura non ce lo avesse sottratto in quel tragico 12 Agosto 1983.

I Pupi di STAC per il Nido di Pippi

Segnalo l’iniziativa di domenica 9 maggio alle ore 18.00 al Teatro Boccherini, in via Boccherini nr 21 a Firenze. Lo spettacolo LA MAGNIFICA INVENZIONE organizzato dalla compagnia dei Pupi di Stac a favore dell’associazione Il Nido di Pippi è ad ingresso gratuito. Durante lo spettacolo verranno raccolti fondi a favore dell’associazione.

Per informazioni:
Ass. Il Nido di Pippi
Roberto De Certo
333-9998813
ilnidodipippi@live.it.
Facebook: http://www.facebook.com/?ref=logo#!/event.php?eid=116295991720204&ref=mf

Un sorriso che vale più di un gol!

Cristiano e Maurizio. Due fratelli. Un sorriso. Una gioia. Nello sport. Nel calcetto. Sono loro i vincitori morali del primo torneo di calcio a cinque del Nido di Pippi. Cristiano e Maurizio. Due fratelli. “Figli” di Roberto. Grande e grosso. Perché grande e grosso è il suo cuore. E quello di sua moglie, Elisa. E grande e grossa è la loro capanna. Un grande Nido, il Nido di Pippi. Passato brevemente per questo mondo. Ma quanto è bastato per lasciare a Roberto e ad Elisa tanto amore. Per la vita. Per il prossimo. E così, assieme ai loro tre figli, hanno accolto nel loro nido Cristiano, Maurizio ed altri sei “figli”. Una grande famiglia. Che assieme ad altre famiglie hanno dato vita ad una associazione, il Nido di Pippi appunto. Nato perché a tutti possa essere garantito quel principio naturale e sacrosanto, che sembra ovvio ma ovvio non sempre è: avere un babbo ed una mamma. Queste famiglie vogliono, unite, diffondere questa straordinaria cultura dell’accoglienza e dare un supporto a tutte quelle famiglie che desiderano intraprendere il loro percorso. E vogliono anche sensibilizzare la classe politica, e stimolare un dibattito, perché queste famiglie possano essere agevolate nell’accoglienza di bambini, specialmente quando presentano disabilità. E, poiché i finanziamenti pubblici non sono mai sufficienti, organizzano eventi, manifestazioni, ritrovi e quanto altro di utile a reperire fondi per portare avanti la loro attività. Il Nido di Pippi, dunque, è una straordinaria esperienza di amore per la vita. Un esempio di coraggio, di animo e di volontà in un momento nel quale tutti i valori sembrano spazzati via, una piccola luce di speranza perché un mondo migliore sia possibile. A proposito: sabato scorso, come detto, si è svolto il primo torneo di calcio a cinque per il Nido di Pippi. E non ha importanza chi abbia vinto o perso, sul campo. Hanno vinto tutti, interiormente. Per due ore, tutti “figli” di una grande famiglia. Grazie Roberto!  p.s. chi volesse può approfondire visitando il sito oppure la pagina ufficiale dell’associazione su Facebook.

Pubblicato su 055news.it